80° della Colonia di Pralungo

Luogo: Montevaccino
Periodo: autunno 2009
Articolo inserito il: 22.10.09

Ricorrono nel 2009 gli 80 anni di attività della Colonia di Pralungo. Per tale ricorrenza, da domenica 25 ottobre a domenica 8 novembre, la sala circoscrizionale del Centro Sociale di Montevaccino ospiterà la mostra retrospettiva dal titolo "La Colonia di Pralungo: 80 anni di attività". Si tratta di una interessante rassegna di notizie e soprattutto di riproduzioni di foto d’epoca ed anche recenti, relative alla vita di una struttura nata come “convalescenziario” della Cassa Mutua Provinciale di Malattia di Trento e divenuta proprio vent’anni fa una efficiente “base scout”.

A 780 metri s.l.m su territorio catastale di Meano, fu benedetta il 16 giugno 1929 dall’allora Arcivescovo Celestino Endrici, anche se in effetti iniziò ad operare già nel 1927. Fra i "padri fondatori" della Colonia vi fu il dott. Leopoldo Pergher (1868 – 1960), celebre medico chirurgo "vecchio stampo" del S. Chiara e direttore del Dispensario antitubercolare (nella foto il dott. Leopoldo Pergher assieme ad alcune ospiti di uno dei tanti soggiorni estivi in compagnia dei musicisti che allietavano la tanto attesa "Festa di S. Anna" il 26 luglio di ogni anno). Lo affiancarono in questo ambizioso alcune persone che condividevano l’idea di migliorare le condizioni di vita dei malati affetti da Tbc, ma soprattutto per ridare vitalità alle centinaia di donne lavoratrici che prestavano la loro opera nelle industrie della Vallagarina, di Trento e della Valle del Chiese. Fra questi il dott. Vittorio Lubich, il dott. Ferrante Giordani, medico capo della C.m.p.m., Riccardo Bertotti alto funzionario che si occupava di sicurezza e prevenzione, Graziano Pedrolli di Gardolo ed altri ancora. Fondamentale fu la presenza delle Suore di Maria Bambina che si occuparono della gestione quotidiana della struttura nei mesi di apertura, sostenendo anche spiritualmente le ospiti durante il loro soggiorno assieme ad alcuni sacerdoti fra cui ricordiamo il compianto don Gaetano Bertoldi. Nel 1980 la Colonia chiuse definitivamente l’attività socio-assistenziale, cadendo per qualche anno nel degrado. Fortunatamente la Provincia, proprietaria dell’immobile e delle aree verdi adiacenti, su richiesta della cooperativa scout "Il Bivacco", concesse la gestione a quest’ultima che attualmente prosegue in questo meritorio impegno di tutela e valorizzazione richiamando lupetti, coccinelle, esploratori, guide, scolte, rover e capi da tutta Italia.

La mostra terrà aperti i battenti nelle giornate di domenica 25 ottobre, 1 e 8 novembre dalle 11:00 alle 12:00, mercoledì 28 ottobre e 4 novembre dalle 19:00 alle 22:00, venerdì 30 ottobre e 6 novembre dalle 16:30 alle 18:30 con ingresso libero.

L’esposizione è organizzata dalla sezione cultura del Circolo Comunitario di Montevaccino in collaborazione con il Punto di Prestito della Biblioteca Comunale di Trento, il Consiglio Provinciale di Trento e la Circoscrizione Argentario.

Per informazioni è possibile rivolgersi ai seguenti contatti: Biblioteca dell'Argentario (0461-984744, tn.argentario@biblio.infotn.it), Edoardo Pasolli (0461-992166, puntodiprestito@montevaccino.it).

L'articolo è stato curato da Gianko Nardelli, per conto del Centro di Documentazione Storica "Ceresa Costa" di Montevaccino.

Organizza

Circolo Comunitario di Montevaccino
Punto di Prestito di Montevaccino

Risorse collegate

Nessuna risorsa presente

Statistiche

Numero di visite: 1994

Commenti degli utenti

Nessun commento presente
Leggi tutti i commenti\Lascia il tuo commento .